Pure Imagination recensito da Audio Review

AUDIO REVIEW storico magazine di elettroacustica, musica ed alta fedeltà parla di:

PURE IMAGINATION – SCOTT HAMILTON & PAOLO BIRRO

Qualità artistica: 8/10
Qualità tecnica. 9/10

Guido Festinese recensisce Pure Imagination su Audio Review:

Il jazz è pura arte dialogica. A rischio di sfiorare il paradosso zen, si potrebbe arrivare a dire che sia arte dialogica anche quando uno strumentista è in totale solitudine.

Si pensi ad un bluesman che risponde a se stesso con le corde della chitarra. Il dato è evidente a diversi livelli. un’orchestra swing in azione è gioco possente di dialogo tra sezioni, un trio con pianoforte un meccanismo perfetto che prevede azione e pensiero alla pari, un duo, poi quasi l’epitome perfetta del tutto.

Quando un duo cerca e trova all’istante il dialogo interattivo è come assistere ad un colloquio tra due brillanti conversatori senza pedantesca saccenza: ci si gusta il fluire, il divagare, il dolce naufragio nel grande mare della musica. meglio ancora se c’è una ripresa sonora come quella assicurata da Giulio Cesare Ricci per la serie della Fonè Jazz: microfoni valvolari, tecniche analogiche e totale assenza di editing.

Abbandonarsi al discorso tra gli ottantotto tasti di Paolo Birro, pianista poco spettacolare ma di caratura assoluta, e il sanguigno, navigato sax tenore di Scott Hamilton, un musicista troppo a lungo considerato solo un epigono dei grandi, è una gioia per le orecchie.

Il viaggio prende le mosse con “Expense Account”, recupero avventuroso di un tema scritto dal dimenticato batterista/compositore James “Osie”Johnson, e prevede derive sognanti con il recupero della sontuosa “Day Dream” di Billy Strayhorn. Poi, aperture latine classiche “Con Alma” di Dizzy Gillespie, un classico del pianismo jazz non sempre ricordato come “Funkallero” di Bill Evans, per arrivare a una trascinante chiusura col recupero di “Drinkin’And Driving” dal canzoniere blues di Jimmie Rowles. Zampilla fluente e copioso il jazz classico di Hamilton e Birro: un dono prezioso.

0 Comments